Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Primavera della letteratura italiana AN DAS LEID GEWÖHNT MAN SICH NIE Mit den Autoren Pietro Bartolo und Lidia Tilotta

Data:

29/05/2017


Primavera della letteratura italiana AN DAS LEID GEWÖHNT MAN SICH NIE Mit den Autoren Pietro Bartolo und Lidia Tilotta

#primavera_italiana
6. Italienischer Literaturfrühling


Pietro Bartolo / Lidia Tilotta:
An das Leid gewöhnt man sich nie

Suhrkamp Verlag 2017
(aus dem Ital. von Barbara Kleiner, Orig.: Lacrime di sale, Mondadori 2016)


Incontro con gli autori Pietro BartoloLidia Tilotta

Moderazione: Christina Schmidt

In lingua italiana con traduzione simultanea

In collaborazione con Suhrkamp Verlag


«È gelida l'acqua. Mi entra nelle ossa. Non riesco a liberare la stazza dall'acqua. Uso tutta la mia forza e la mia agilità ma la lancia resta piena. E cado. Ho paura. È notte fonda e fa freddo. Siamo a quaranta miglia da Lampedusa e, se non riesco a farmi sentire subito, mi lasceranno qui e sarà la fine. Non voglio morire così. Non a sedici anni. Il panico sta per impadronirsi di me e comincio a urlare con quanto fiato ho in gola, cercando di rimanere a galla e di non farmi trascinare giù da questo mare che ci consente di sopravvivere ma che può anche decidere di abbandonarci per sempre. "Patri" urlo. "Patri." Lui è al timone e non mi sente. La fine si avvicina, penso. Poi qualcosa accade ... Ciò che non potevo sapere allora è che non solo quella notte sarebbe rimasta per sempre impressa nella mia mente ma che la mia esistenza sarebbe stata segnata da un mare che restituisce corpi e vite e che sarebbe toccato proprio a me salvare quelle vite e toccare per ultimo quei corpi.» Pietro Bartolo è il medico che da oltre venticinque anni accoglie i migranti a Lampedusa. Li accoglie, li cura e, soprattutto, li ascolta. 

Pietro Bartolo, medico di Lampedusa, dal 1991 si occupa del poliambulatorio dell'isola. Da sempre in prima linea nel soccorso ai migranti, si è meritato numerose onorificenze, tra cui il titolo di «Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana» conferitogli dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il premio Sérgio Vieira de Mello (Cracovia 2015) e il premio Don Beppe Diana. È uno dei protagonisti di Fuocoammare (Orso d'oro 2016) di Gianfranco Rosi. 

Lidia Tilotta è giornalista della Tgr, la testata regionale della Rai. Da Lampedusa ha raccontato più volte le storie dei migranti approdati sull'isola o che hanno perso la vita in mare. Da Palermo conduce «Mediterraneo» (Rai 3), per cui ha realizzato servizi e reportage dai Paesi di entrambe le sponde.



Informazioni

Data: Lun 29 Mag 2017

Orario: Dalle 19:00 alle 20:30

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Berlino

In collaborazione con : Suhrkamp Verlag

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura di Berlino, Hildebran

Testata:

#primavera_italiana

Autore:

Pietro Bartolo, Lidia Tilotta

Tags:

Lettura

2332