Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

NON AVRÀ LUOGO! Aristoteles gegen Plato. War Leonardo der erste Anarchist? Interviene Philippe Daverio

Data:

04/03/2019


NON AVRÀ LUOGO! Aristoteles gegen Plato. War Leonardo der erste Anarchist? Interviene Philippe Daverio

L'EVENTO PURTROPPO NON AVRÀ LUOGO. CI SCUSIAMO PER L'INCONVENIENTE!


--------------------------------



In Istituto Philippe Daverio parlerà di Leonardo e della sua eminente importanza artistica fino ai giorni d’oggi.


lunedì, 4 marzo 2019
ore 19
Istituto Italiano di Cultura
In lingua tedesca

Philippe Daverio è nato il 17 ottobre 1949 a Mulhouse, in Alsazia. Dal 1961 al 1967 ha frequentato il Liceo scientifico francese. Arrivato in Italia per gli studi universitari, ha frequentato il corso di laurea in Economia e Commercio presso l'Università Bocconi di Milano, dove hanno avuto inizio le sue molteplici attività legate all'arte. Tre le gallerie d'arte moderna da lui inaugurate: la prima, la "Galleria Philippe Daverio", nel 1975 a Milano in Via Montenapoleone n. 6, dedicata all'arte italiana del XX secolo, presso la quale nel 1984 viene anche aperta una libreria d'arte, a cui segue nel 1986 la "Philippe Daverio Gallery" a New York, anch'essa rivolta all'arte del XX secolo, e nel 1989 una seconda galleria a Milano in Corso Italia n. 49, con uno spazio dedicato all'arte contemporanea. Specializzato in arte italiana del XX secolo, ha dedicato i suoi studi al rilancio internazionale del Novecento. Dal 1993 al 1997 è stato assessore a Milano con le deleghe alla Cultura, al Tempo Libero, all'Educazione e Relazioni Internazionali. Philippe Daverio si è sempre definito uno storico dell'arte, e così lo ha scoperto il pubblico televisivo di Raitre: nel 1999 in qualità di "inviato speciale" della trasmissione Art'è, nel 2000 come autore e conduttore della trasmissione Art.tù, poi dal 2002 al 2012 autore e conduttore di Passepartout, programma d'arte e cultura divenuto Il Capitale, e del programma del 2011 Emporio Daverio per RAI 5, una proposta di invito al viaggio attraverso l'Italia, un'introduzione al museo diffuso e uno stimolo a risvegliare le coscienze sulla necessità d'un vasto piano di salvaguardia. Come gallerista ed editore - nell'81 fonda la casa editrice Edizioni Philippe Daverio - ha pubblicato una cinquantina di titoli. Diverse sono le sue pubblicazioni scientifiche, e numerose quelle divulgative; consulente per la casa editrice Skira, dal 2008 dirige per la casa editrice Giunti di Firenze la rivista Art e Dossier.
Tra le ultime pubblicazioni, nel 2011 è uscito il volume Il Museo Immaginato, edito da Rizzoli, e nel 2012 il volume Il Secolo lungo della Modernità, per la stessa casa editrice, con cui nel 2013 ha pubblicato Guardar lontano veder vicino. Esercizi di curiosità e storia dell'arte, seguito a fine 2014 da Il secolo spezzato delle avanguardie. Nel 2015 sono usciti i volumi La buona strada, L'arte in Tavola e Il gioco della pittura, sempre editi da Rizzoli. Nel 2013 ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Italiana il Cavalierato delle Arti e delle Lettere e la Medaglia d'Oro di benemerenza del Ministro per i Beni Culturali; sempre nel 2013 è stato insignito dal Presidente della Repubblica Francese della Légion d'Honneur; da settembre 2014 è Direttore Artistico del Grande Museo del Duomo di Milano, e dal 2015 membro del Comitato scientifico della Pinacoteca di Brera e Biblioteca nazionale Braidense.

http://www.philippedaverio.it/




Informazioni

Data: Lun 4 Mar 2019

Orario: Dalle 19:00 alle 21:00

Organizzato da : Istitituto Italiano di Cultura Berlino

Ingresso : Libero


2560