Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cantica21. Italian Contemporary Art Everywhere. Mostra di Domenico Antonio Mancini

Data:

28/06/2022


Cantica21. Italian Contemporary Art Everywhere. Mostra di Domenico Antonio Mancini

Senza Titolo, rilevazione di uno spazio domestico, l’opera creata dall’artista napoletano Domenico Antonio Mancini è uno dei progetti vincitori del concorso pubblico Cantica21. Italian Contemporary Art Everywhere. Le opere dei vincitori fanno parte integrante delle collezioni dei musei pubblici italiani e partecipano a una mostra d’arte diffusa negli spazi della rete diplomatica e consolare e degli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. L’opera in mostra all’IIC Berlino è oggi parte della collezione del Museo d’Arte Contemporanea (MAC) di Lissone.

Senza titolo, rivelazione di uno spazio domestico è un progetto che nasce nel tempo dell’isolamento per la pandemia, durante il quale riflettere sulla questione dell’abitare – più che una scelta – ha assunto il senso di una risposta agli eventi. Il progetto, infatti, scaturisce dalla condizione di totale impossibilità di accedere ai materiali della pratica artistica dell’autore. Lo studio, la prima stanza disegnata, da luogo usuale di lavoro è diventato l’oggetto e, insieme, il materiale dell’opera. Lo sguardo rivolto alla stanza-atelier si è poi indirizzato in modo radicale all’appartamento di cui lo studio fa parte. Rappresentare gli spazi, per riconoscerli e nominarli, è diventato un gesto di interpretazione del vissuto. La questione dell’abitare ha assunto oggi il ritorno alla dimensione privata a cui è stato necessario abituarsi, in particolare nello spazio privato (reso performativo nelle skypecall) e nella dimensione dello smart-working (spazio per sé). La dimora è il luogo in cui si sovrappongono traiettorie esistenziali: osservare con sguardo meticoloso lo spazio domestico ha assunto, nei mesi della pandemia, le caratteristiche di una pratica costante di costruzione e di progetto. Assumendo il senso della cura del luogo in cui l’artista vive, la pratica quotidiana del disegno del domestico e delle sue suppellettili è divenuta cura dello spazio, in cui ciascuno sviluppa e negozia le relazioni tanto con il dentro quanto con il fuori e, quindi, cura del sé.

Installazione fotografica: 3 stampe inkjet su carta cotone; cm 10×10 cad., cm 120×80 cad. (con passe-partout). 2021
Collezione: MAC – Museo d’Arte Contemporanea di Lissone
 
Domenico Antonio Mancini (1980) è interessato alla trasformazione del quotidiano e della memoria storica in un’esperienza sinestetica; combina una sofisticata analisi dei media, scelti di volta in volta, alla riflessione su questioni sociopolitiche e biopolitiche. Per l’artista la pratica dell’arte risponde sempre all’urgenza di intervenire, individualmente e collettivamente, nella realtà quotidiana. Anche nelle più recenti serie pittoriche legate alla memoria storica di luoghi specifici, la pittura di paesaggio si offre come un’esperienza straniante non solo a livello linguistico: Mancini suggerisce continuamente strumenti per ribaltare la relazione con le cose, siano esse categorie estetiche o informazioni. Si è formato presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli e attraverso la partecipazione a varie residenze, tra le quali la Fondazione Antonio Ratti (Como, 2004) e la Mountain School of Art (Los Angeles, 2006). Mostre personali e collettive sono state dedicate all’artista da importanti istituzioni come: Yibo Gallery, Shanghai (2012); La Galleria Nazionale, Roma (2017); Centro Cultural Chacao, Caracas (2017); Associazione Barriera, Torino (2018); Istituto Italiano di Cultura di New York (2018); MART, Rovereto (2019); Galleria Lia Rumma, Napoli (2019); MAC Museo d’Arte Contemporanea, Lissone (2021); museo Madre, Napoli (2021). Vive e lavora a Milano. 

Data: 28 giugno 2022, ore 19.00 - Inaugurazione
Istituto Italiano di Cultura Berlino
È richiesta l'iscrizione via eventbrite: https://cantica21-mancini.eventbrite.it

L’opera sarà visitabile dal 29 giugno al 29 luglio 2022 su appuntamento (iicberlino@esteri.it, Tel. 269941-0) e durante gli eventi serali.

Il progetto Cantica21. Italian Contemporary Art Everywhere è un’iniziativa congiunta del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e del Ministero della Cultura (MiC) in collaborazione con gli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. La mostra all’Istituto Italiano di Cultura Berlino è realizzata in collaborazione con il Museo d’Arte Contemporanea (MAC) di Lissone.


cantica21 logo   maeci    mic 2560px logo mic.svg  


museo lissone abbinati
Il pubblico è invitato ad osservare le misure di prevenzione e contenimento della pandemia da Covid-19.

Misure di prevenzione e di contenimento dell’infezione da Covid-19:

Si prega il gentile pubblico di indossare una maschera FFP2 durante tutto l'evento o tutta la visita, mantenere una distanza interpersonale di almeno un metro e seguire le istruzioni del personale in servizio di guardiania
Si consiglia di arrivare con un certo anticipo alla serata per evitare code all’ingresso.
Conserveremo le liste degli ospiti per 4 settimane secondo l'art. 5 DSGVO e nel rispetto dei principi della protezione dei dati.



Informazioni

Data: Da Mar 28 Giu 2022 a Dom 31 Lug 2022

Orario: Dalle 10:00 alle 13:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Berlino

Ingresso : Libero


3034