Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

ZEBRA Poetry Film Festival: PREMIO STREGA POESIA 2023

zebra x sito

#poesia

La 14ª edizione dello ZEBRA Poetry Film Festival si svolgerà dal 12 al 15 ottobre 2023 presso la Haus für Poesie e il Kino in der Kulturbrauerei.

I cortometraggi più belli, originali e intensi del mondo sono spesso basati su poesie: sono film di un genere molto particolare in cui si supera il confine tra cinema e poesia, opere d’arte fatte di immagine, parola e suono. Quest’anno il focus del festival è rivolto all’Italia come paese del cinema e della poesia. Il programma cinematografico ideato per questa edizione si concentra sulle video poesie italiane.

In collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura Berlino, saranno ospiti i finalisti dell’importante Premio Strega Poesia 2023, che quest’anno viene assegnato per la prima volta dalla Fondazione Bellonci. I finalisti della Cinquina sono: Silvia Bre, Umberto Fiori, Vivian Lamarque, Stefano Simoncelli e Christian Sinicco. Il vincitore sarà proclamato a Roma il 5 ottobre, una settimana prima del Festival Zebra e sarà presente a Berlino il 14 ottobre.

Finalisti
Silvia Bre, Le campane, Einaudi 2022
Umberto Fiori, Autoritratto automatico, Garzanti 2023
Vivian Lamarque, L’amore da vecchia, Mondadori 2022
Stefano Simoncelli, Sotto falso nome, Pequod 2022
Christian Sinicco, Ballate di Lagosta, Donzelli 2022

Premio Strega Poesia 2023 - locandina. By Alessandro Sanna

Silvia Bre è nata a Bergamo nel 1953. Vive da molti anni a Roma. Ha pubblicato le raccolte di poesie „I riposi“ (Rotundo 1990), „Le barricate misteriose“ (Einaudi 2001), „Sempre perdendosi“ (Nottetempo 2006), „Marmo“ (Einaudi 2007) e „La fine di quest’arte“ (Einaudi 2015), nonché tre volumi di traduzioni da Emily Dickinson: „Centoquattro poesie“ (Einaudi 2011), „Uno zero più ampio“ (Einaudi 2013), „Questa parola fidata“ (Einaudi 2019). Nel 2022 è uscita la traduzione di un ampio volume di poesie di Robert Frost (Adelphi). Ha inoltre tradotto in italiano, tra gli altri, Naomi Alderman, Siobhan Fallon, Robert Graves, Louise Labé, Doris Lessing, Claudia Rankine e Alice Walker. È candidata al Premio Strega Poesia con il suo nuovo volume “Le campane” (Einaudi 2023).

Umberto Fiori è nato a Sarzana nel 1949. Dal 1954 vive a Milano, dove si è laureato in Filosofia. Dal 1973 al 1983 ha fatto parte del gruppo rock Stormy Six. È autore di saggi e interventi critici sulla musica (“Scrivere con la voce”, Unicopli 2003) e sulla letteratura (“La poesia è un fischio”, Marcos y Marcos 2007; “Il metro di Caino”, Castelvecchi 2022) e di un romanzo, “La vera storia di Boy Bantàm” (Feltrinelli 2007). Il suo primo libro di poesia, “Case”, è uscito nel 1986 (San Marco dei Giustiniani). I volumi successivi comprendono “Esempi” (1992), Chiarimenti (1995), Tutti (1998), La bella vista (2002, tutti pubblicati da Marcos y Marcos), “Voi” (Mondadori 2009) e “Poesie 1986-2014” (Mondadori 2014). Nel 2019 ha pubblicato il racconto in versi “Il Conoscente” (Marcos y Marcos). È candidato al Premio Strega Poesia con il suo nuovo volume “Autoritratto automatico” (Garzanzi 2023).

Vivian Lamarque, nata a Tesero (Trento) nel 1946, è sempre vissuta a Milano dove ha insegnato italiano agli stranieri e letteratura in istituti privati. Ha pubblicato “Teresino” (Società di poesia 1981), “Il signore d’oro” (Crocetti 1986), “Poesie dando del lei” (Garzanti 1989), “Il signore degli spaventati” (Pegaso 1992), “Una quieta polvere” (Mondadori 1996). Nel 2002 la sua opera poetica è stata raccolta in “Poesie (1972-2002)” (Mondadori). Successivamente ha pubblicato “Poesie per un gatto” (Mondadori 2007), “La gentilèssa. Poesie in dialetto milanese“ (Stampa 2009) e “Madre d’inverno” (Mondadori 2016). È autrice di una quarantina di fiabe e delle raccolte “Poesie di ghiaccio” (Einaudi Ragazzi 2004) e “Poesie della notte” (Rizzoli 2009). Ha tradotto, tra gli altri, Valéry, Baudelaire, La Fontaine. Collabora con il “Corriere della Sera”. È candidata al Premio Strega Poesia con il suo nuovo volume“L’amore da vecchia” (Mondadori 2022).

Stefano Simoncelli è nato nel 1950 a Cesenatico, ma da diversi anni vive a Acquarola sulle colline di Cesena. È stato uno dei redattori di «Sul Porto», la rivista di letteratura e politica che catturò negli anni Settanta l’attenzione e la collaborazione di poeti come Pasolini, Bertolucci, Caproni, Sereni, Fortini, Raboni e Giudici. Nel 1981, con la raccolta “Via dei Platani” (Guanda). Nel 1989, è uscito il libro “Poesie d’avventura” (Gremese Editore). Nel 2004 ha pubblicato con Pequod la raccolta “Giocavo all’ala” e nel 2006 “La rissa degli angeli”. Nel 2012 ha pubblicato “Terza copia del gelo presso” le edizioni Italic e nel 2014 “Hotel degli introvabili”. Nel 2015 è uscito il racconto in prosa poetica “Il collezionista di vetri” (Italic arte) con fotografie di Daniele Ferroni e la plaquet “Notizie interferenze sibili” edita dai Quaderni di Orfeo. Nel 2017 è uscita la silloge “Prove del diluvio” (Italic). Nel 2018 è uscita la silloge “Residence Cielo” (Pequod). Nel 2019 esce la plaquette “La paura dei tuoni” con chine del pittore Silvano Barducci e introduzione di Mario Santagostini (Pequod). È candidato al Premio Strega Poesia con il suo nuovo volume “Sotto falso nome” (Pequod 2023).

Christian Sinicco è nato a Trieste nel 1975. Caporedattore di «Fucine Mute», tra i pr imi periodici multimediali italiani, ha fondato la Lips (Lega italiana poetry slam). Cura l’indagine sulla nuova poesia dialettale confluita in “L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti in dialetto e in altre lingue minoritarie” (1950-2013) (Gwynplaine 2014) e dirige “Poesia del nostro tempo”. Ha pubblicato poesia in rivista e in volume tra cui le raccolte “Passando per New York” (LietoColle 2005) e “Alter” (Vydia 2019). Suoi versi sono tradotti in albanese, bielorusso, catalano, croato, inglese, lettone, olandese, slovacco, sloveno, spagnolo, tedesco e turco. Sindacalista Cgil, lavora in una delle concessionarie autostradali del Triveneto, in una zona di transito tra Nord Europa, Adriatico e Balcani. È candidato al Premio Strega Poesia con il suo nuovo volumeBallate di Lagosta (Donzelli 2023).

Premio Strega Poesia 2023
Modera: Asmus Trautsch
Sab 14 ottobre 2023
ore 19:00
Haus für Poesie
, Knaackstr. 97 (Kulturbrauerei), 10435 Berlin-Prenzlauer Berg
Una collaborazione tra Haus für Poesie e Istituto Italiano di Cultura Berlino
Biglietti: 6/4 €
<Biglietti online>

Lo ZEBRA Poetry Film Festival esiste dal 2002 ed è stato il primo ed è la più grande piattaforma internazionale per cortometraggi basati sulla poesia – poetry films. Offre a poeti, cineasti e festival-maker di tutto il mondo una piattaforma di scambio creativo, di ricerca di idee e di incontro con un vasto pubblico. Vengono utilizzati i classici formati di ricezione con letture, colloqui e proiezioni moderate affiancate da discussioni. Inoltre, vengono offerti numerosi formati partecipativi come masterclass e workshop, in cui i partecipanti imparano a conoscere meglio le scene della poesia e del cinema, i loro attori e la loro estetica, le reti e le condizioni di produzione e avviano collaborazioni concrete.

PROGRAMMA: https://www.haus-fuer-poesie.org/de/zebrapoetryfilmfestival/zeb/programmzebra/

DO 12.10. – SO 15.10.2023
ZEBRA Poetry Film Festival

Haus für Poesie & Kino in der Kulturbrauerei, Schönhauser Allee 36, 10435 Berlin

Un progetto di Haus für Poesie
haus-fuer-poesie.org

             

 

Il Premio Strega Poesia è promosso da:

              

Immagine (c) Premio Strega Poesia 2023 – locandina, by Alessandro Sanna

  • Organizzato da: Haus für Poesie, Istituto Italiano di Cultura Berlino